Aprile 20, 2022 1:53 pm

Acque agitate: cresce lo spettro della recessione nell’eurozona

La guerra in Ucraina ha provocato un forte shock dell’offerta alla zona Euro, ha spinto l’inflazione già elevata a nuovi massimi pluridecennali e ha aumentato il rischio di una recessione entro i prossimi due anni.  In primo luogo, la guerra è una crisi umanitaria, che geograficamente spetterà all’Unione Europea (UE) risolvere. In seguito, la crisi umanitaria ha provocato uno shock delle quotazioni energetiche nella zona Euro, con un’inflazione persistente e un rallentamento della crescita che rappresentano un rischio di stagflazione per il blocco dei 27 paesi.

Questa visione condivisa del mercato contrasta nettamente con la decisione della Banca Centrale Europea (BCE) di seguire con flessibilità il suo percorso di normalizzazione delle politiche monetarie. La scorsa settimana (14 aprile) la BCE ha mantenuto invariati i tassi di interesse e ha rafforzato il proprio impegno a concludere gli acquisti netti di attività in qualsiasi momento nel corso del terzo trimestre. La BCE ha dichiarato che le tempistiche degli aumenti dei tassi saranno influenzate dai dati sull’inflazione di giugno e che potrebbero verificarsi in qualsiasi momento a distanza di settimane o mesi dalla conclusione dell’acquisto di attività.

La BCE sta cercando di domare l’impennata dell’inflazione senza annientare la domanda in un’economia che si sta indebolendo. La Banca Centrale Europea ritiene che le dinamiche dell’inflazione nell’eurozona siano diverse da quelle degli Stati Uniti e del Regno Unito, con un’inflazione di base molto più bassa (solo il 3% nell’area Euro), il che offre alcune speranze che l’inflazione possa diminuire più rapidamente. I mercati prevedono il primo rialzo dei tassi di interesse sarà a settembre. Capital Economics prevede tre aumenti dei tassi di 25 punti base entro la fine dell’anno, seguiti da altri cinque nel 2023. Il muro di preoccupazione dell’Europa rappresenta una sfida acuta che sfugge al controllo dei governi e delle banche centrali.  Le prospettive di crescita del PIL, l’inflazione e gli indicatori di fiducia delle imprese e dei consumatori suggeriscono che potrebbe esserci un ulteriore rischio al ribasso.

L’inflazione cresce, mentre lo slancio del PIL si affievolisce

Il tasso d’inflazione annuale nella zona Euro è salito a marzo per la quarta volta consecutiva, raggiungendo il 7,5%, al di sopra delle previsioni del 6,6% e superiore al 5,9% di febbraio, secondo una stima di Eurostat. I mercati ritengono che l’inflazione nell’area Euro, ben al di sopra dell’obiettivo annuale del 2% della Banca centrale europea (BCE), non abbia ancora raggiunto il picco.

Allo stesso tempo, le previsioni di crescita del PIL per l’economia dell’eurozona sono state ridotte a circa il 2,9% nel 2022, secondo le stime UBS in una nota di investimento datata 30 marzo, riflettendo una prospettiva a breve termine più debole per le famiglie e le imprese. Tuttavia, per il momento, il mercato del lavoro sta mostrando resistenza. A febbraio, il tasso di disoccupazione dell’eurozona è sceso al 6,8%, minimo storico, indicando la forte ripresa del mercato del lavoro dopo la pandemia.  Il basso livello di disoccupazione deve ancora alimentare l’inflazione salariale, ma rimane il rischio di effetti inflazionistici di seconda battuta.

Le quotazioni energetiche, il principale motore dell’inflazione, sono salite a un tasso annuo del 44,7% a marzo (febbraio: 32,0%), a causa della guerra in Ucraina.  La dipendenza del blocco europeo dall’energia russa acuisce lo shock dei prezzi dell’energia. L’area Euro importa circa il 40% di tutto il gas e il carbone e un quarto del petrolio greggio dalla Russia. Gli stati membri dell’UE sono sotto pressione per ridurre la loro dipendenza dall’energia russa e allo stesso tempo corrono il rischio che la Russia possa sospendere le forniture come ritorsione per le sanzioni. Un brusco shock dell’offerta rappresenterebbe un significativo rischio al ribasso per l’economia, in particolare per la Germania, più vicina a una recessione tecnica dopo che il PIL si è ridotto dello 0,3% nel quarto trimestre, poiché la variante Omicron ha pesato sulla domanda. A questo proposito, sia la Germania che l’Austria si sono già preparate al razionamento energetico.

Oltre l’energia: carenze alimentari, catene di approvvigionamento in difficoltà e Covid

Con l’aumento dei costi di trasporto e di produzione, anche i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati bruscamente, compresi i prezzi più alti dei fertilizzanti, che sono in parte legati alla guerra in Ucraina. C’è un concreto pericolo per i rifornimenti di cibo durante l’estate e oltre. La guerra ha anche bloccato le principali rotte delle catene di approvvigionamento, già in crisi a causa dell’ondata acuta di Omicron in Cina, che ha chiuso Shanghai, un importante hub logistico globale.

La guerra della Russia in Ucraina e le conseguenti sanzioni hanno immediatamente tagliato fuori i fertilizzanti prodotti localmente dai mercati globali. Come principali fornitori globali, l’assenza di fertilizzanti russi e ucraini ha aumentato lo squilibrio tra domanda e offerta, portando alla volatilità dei prezzi e a una pressione crescente. I prezzi elevati dell’energia hanno anche ridotto la produzione di fertilizzanti in altri paesi d’Europa.  Il mese scorso, Yara, il fertilizzante globale norvegese, ha tagliato la produzione nei suoi impianti di produzione italiani e francesi in risposta all’impennata dei prezzi del gas naturale. Questi fattori finiranno per alimentare l’aumento dei costi degli alimenti e il rischio di carenze periodiche di approvvigionamento. L’inflazione dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari ostacolerà la ripresa post-pandemica della zona euro e potrebbe richiedere ulteriori stimoli per prevenire esiti negativi.  Tutte queste pressioni manterranno l’inflazione alta più a lungo.

La zona Euro si fa carico dell’onere umanitario della guerra

Allo stesso tempo, l’Europa rimane sotto la costante minaccia di una nuova ondata di infezioni da Covid-19 e della crisi umanitaria causata dalla guerra. L’area Euro è anche quella geograficamente più colpita dalla crisi umanitaria. Dal 24 febbraio, quasi cinque milioni di rifugiati hanno lasciato l’Ucraina cercando la salvezza nei paesi confinanti dell’UE, includendo le oltre 2,7 milioni di persone che si sono recate in Polonia, secondo i dati dell’UNHCR. In un periodo di bassa crescita, accogliere tali quantità di immigrati metterà a dura prova i bilanci dell’UE e probabilmente richiederà significativi contributi statali. “Più a lungo durerà la guerra, maggiori saranno i costi economici e maggiore sarà le probabilità di finire in scenari più avversi”, ha dichiarato Lagarde alla fine di marzo.

Indicatori previsionali

Gli indicatori previsionali suggeriscono un quadro in peggioramento. Il purchasing manager index dell’eurozona (PMI) per il settore manifatturiero, un indicatore previsionale per la crescita degli utili, è sceso a marzo a 54,5, secondo S&P Global, che elabora l’indice. Il calo indica un rallentamento dello slancio della crescita economica nell’area Euro nel secondo trimestre. Inoltre, gli impatti economici della guerra (ad esempio, l’impennata delle quotazioni energetiche, l’aumento dei costi di produzione delle aziende e l’esacerbazione degli squilibri esistenti tra domanda e offerta) compenseranno la spinta della domanda derivante dalla riapertura del commercio post-Omicron. Senza l’aumento della domanda post-Omicron, i dati sarebbero probabilmente stati peggiori.  Nel settore manifatturiero, i prezzi elevati dell’energia e l’accesso ridotto alle materie prime hanno costretto i produttori ad aumentare i prezzi ad un ritmo record per compensare le pressioni sui margini. Le prospettive di indebolimento del PIL per i partner commerciali della zona Euro suggerirebbero una debole crescita delle esportazioni nel resto dell’anno, secondo Capital Economics. Tuttavia, una domanda di esportazioni più bassa potrebbe essere parzialmente compensata da un euro più debole, mentre le esportazioni all’interno della zona Euro dovrebbero ancora aumentare quest’ anno, anche se lentamente.

L’indicatore del clima di fiducia economica (ESI) della Commissione europea è sceso a 108,5 a marzo, al di sotto delle previsioni di consenso e al minimo negli ultimi 12 mesi. In altri settori la fiducia delle imprese, misurata dall’indice delle aspettative di produzione future del PMI, è scesa al suo livello più basso in 18 mesi, mentre i dati relativi al lavoro arretrato, un importante fattore dell’attività commerciale futura, sono aumentati al ritmo più lento in un anno, secondo S&P Global.

Conclusioni

La recessione della zona Euro non è un dato di fatto, ma una crescente probabilità. Le prospettive economiche instabili suggeriscono che il ciclo degli utili ha ormai raggiunto il suo picco, a cui seguiranno le diminuzioni dei ricavi, segnalando la ripresa della crescita dovrà ulteriormente essere posticipata. Allo stesso tempo, l’inflazione più elevata persisterà, aumentando la probabilità di un esito stagflazionistico. Bank of America (BoA) ha previsto che il PMI della zona euro “scenderà leggermente al di sotto della soglia di 50″. Due possibili catalizzatori per l’economia della zona Euro potrebbero invertire la tesi ribassista, secondo Sebastian Raedler, responsabile delle strategie azionarie europee a BoA. “Il primo è la politica fiscale su larga scala nell’UE ma, come abbiamo visto, l’UE è tipicamente molto reattiva. Una politica fiscale proattiva nell’UE sarebbe ottima, ma non la vediamo mai. Il secondo (catalizzatore positivo), invece, sarebbe lo stimolo delle politiche in Cina”.

Nella seconda parte, esamineremo i rischi di stagflazione per alcune economie della zona Euro, concentrandoci su Germania, Italia, Grecia e Spagna.

Questo post è stato scritto da James Wallace

James Wallace is an editor, journalist, researcher and corporate writer on economics, geopolitics, finance, real estate, private equity, aviation, infrastructure and technology. He co-founded CoStar News in the UK in April 2011, and now works for multiple media organisations and corporations across writing, research, marketing/PR and consulting. He is an aspiring psychologist.

Website:
http://james-wallace.uk/

Tag: , , ,

(Diritti d'immagine: https://www.istockphoto.com/de/portfolio/martinwimmer)

Lascia un commento

indietro

Debitos Newsletter

Iscriviti subito ai alla Newsletter per essere sempre aggiornato su tutti i prossimi appuntamenti.

Registrati qui