Marzo 26, 2020 12:07 pm

La crisi Corona: la burocrazia non salva aziende

Una colonna di Peter Riedel, Responsabile dei Prodotti Illiquidi di Debitos GmbH

Vapiano è la prima vittima di corona in Germania – e non sarà l’ultima. A causa della diffusione della pandemia di Corona, l’economia tedesca e le aziende locali duramente. Il governo sta rispondendo burocraticamente. Ma è la strada giusta?

Per essere chiari: la crisi del corona non è la ragione per cui Vapiano è ora andato in bancarotta. Il problema sta nella catena di ristoranti di Amburgo; l’espansione della pandemia in Germania e in Europa hanno solo agito come un acceleratore. Ancora dall’anno scorso, Vapiano si era mantenuta a galla solo attraverso finanziamenti di emergenza: a Maggio 2019, erano 30 milioni di Euro, poco prima della crisi del corona, il CFO Lutz Scharpe aveva garantito altri 10.7 milioni di Euro.

Tuttavia, Sharpe ora sta raccontando che l’insolvenza di Vapiano è la prima “bancarotta da corona” – e per buone ragioni. D’altronde, nelle settimane recenti il governo Tedesco non ha perso un’opportunità per dichiarare in parole altisonanti che nessuna azienda in questo paese possa essere lasciata scivolare in insolvenza a causa del corona.

Il ministro delle Finanze Scholz prende il bazooka

Il Ministro Federale delle Finanze Olaf Scholz ha addirittura parlato del “bazooka! che la Germania ora userà per proteggere le aziende locali. “Questa crisi ci colpisce tutti. Per questa ragione non stiamo pensando in piccolo, ma in grande,” ha detto, offrendo alle aziende la prospettiva di programmi di credito illimitati.

Vapiano ora si sta appellando ai politici per trasformare in azioni le loro parole il più velocemente possibile – con enfasi sulla “velocità”. Ma questo potrebbe diventare un problema. Nel giro di tre settimane, le aziende pubbliche dovrebbero ritirare le loro domande per insolvenza. Al momento, tuttavia, i miliardi promessi dal governo per gli aiuti al corona non sono disponibili.

L’aiuto promesso dal Governo Federale non è formalmente allocato dallo stato, ma dal settore privato. Da Marzo 23, le rispettive banche locali dell’azienda interessata decideranno se considerare la domanda valida o meno. Il prestito – in base al merito di credito – è poi finanziato con un interesse dall’uno al sette percento, rifinanziato poi da KfW. La banca di stato assume il 90% del credito di rischio. Ciò significa che se le banche concedono ora un prestito sotto pressione e più tardi dichiarano fallimento, rimangono con il 10 percento della somma del prestito.

Il consulente bancario come “collo di bottiglia”

Migliaia di aziende rimarranno senza soldi nelle prossime settimane, e questo è sicuro come il Sole che sorge a Est. Il primo punto di contatto per gli imprenditori, direttori e membri del board è il corporate customer advisor alle loro banche. Con un po’ di sfortuna, tuttavia, l’ufficio bancario corrispondente è ora probabilmente chiuso – e l’impiegato responsabile siede a casa a seguire i suoi bambini.

Secondo Wikipedia, un “collo di bottiglia è un fenomeno per cui la performance o la capacità di un intero sistema è severamente limitata da un singolo componente”. Il consulente bancario che abbiamo descritto è esattamente questo. E ciò può essere fatale per molte aziende tedesche.

La domanda di credito cresce enormemente.

Alcune banche stanno già riportando che il numero di domande dalle aziende è raddoppiato negli scorsi giorni. Ma sembra chiaro che questo trend possa crescere esponenzialmente nelle prossime settimane. Un rappresentante della KfW al momento ritiene che ci vorranno due o tre settimane perché i soldi arrivino alle aziende. Tuttavia, rimane da vedere se questo possa essere mantenuto quando la crisi del corona colpirà a massima forza l’economia tedesca.

In aggiunta, se il consulente bancario riceve una domanda di credito dall’azienda A per 100 milioni di euro e un’altra dall’azienda B per 60,000 euro – quale processerà per primo? Se il volume di credito è più alto, la banca – assumendo lo stesso merito di credito per A e B – avrà un maggiore guadagno alla fine. Le domande delle aziende più piccole rischiano di scivolare sempre più giù in priorità.

La domanda che dobbiamo chiederci è se questa situazione di emergenza non sarebbe stata generalmente più sensibile nell’affidarsi alle non-burocratiche sussidiarie dello stato e al supporto di capitale equity invece che dispendiosi e spesso rischiosi prestiti e concessioni di tasse? Questo è un argomento di dibattito. Il fatto è che, tuttavia, il Governo Federale ha deciso di seguire questo percorso e gli imprenditori pagheranno – con tutte le conseguenze.

Sfortunatamente, bisogna temere che le aziende più piccole soffriranno maggiormente il nuovo mostro burocratico che il governo federale ha appena creato. D’altra parte, Fintechs come Penta, Auxmoney e Iwoca dimostrano che le cose potrebbero essere diverse. Grazie alla loro infrastruttura digitale, le aziende giovani hanno la possibilità di garantire prestiti alle SMEs bisognose nel giro di poche ore – velocemente, efficientemente e senza burocrazia. Ma lo scenario domestico bancario non è così lontano. Magari quando arriverà la prossima crisi

Questo post è stato scritto da Peter Riedel

Peter RiedelBefore starting at Debitos, Peter Riedel was working for HETA Asset Resolution in Vienna. Here he was working within the restructuring team.
Before he was with Merrill Lynch and Hudson Advisors Germany GmbH (special servicer from Lone Star Funds). In both positions he was responsible for the asset management, work-out and for the sale of real estate and Non-Performing Loans. One further step in his career was at PwC Frankfurt, where he was working in the Corporate Finance Real Estate division. Peter Riedel's vita includes a more than 15 year experience in work-out and sale of distressed loans. Mr. Riedel holds a law degree and the accreditation as attorney.

Website:
https://www.debitos.com

(Diritti d'immagine: istockphoto.com/Cineberg)

indietro